News

Questa pagina contiene l'archivio delle principali notizie sul mondo di Ubuntu e sulle ultime iniziative della comunità italiana e internazionale. Abbonati al feed RSS.

Le associazioni per il Software Libero italiane scrivono al Ministro Profumo per le domande del "Concorso Scuola 2012"

Categoria: 

AsSoLi (Associazione per il Software Libero) e altre 44 associazioni italiane impegnate nella promozione del Software Libero, tra cui la Comunità Italiana Ubuntu-it, scrivono una diffida al Ministro Profumo per "tutelare i futuri insegnanti e i loro alunni dalle domande di informatica del Concorso Scuola 2012". Il questionario proposto dal Ministero infatti, che dovrebbe accertare le "competenze digitali" dei candidati, contiene domande con numerosi errori e discriminatorie nei confronti di chi usa software libero. Grazie al contributo di tutti i firmatari, e utilizzando un programma libero e condiviso, le associazioni hanno scritto una lettera di diffida, che è stata inviata al Ministero dell'Istruzione (MIUR).
Il presidente di AsSoLi, Renzo Davoli, professore associato di informatica all'Università di Bologna, sul suo sito aveva già pubblicato nei giorni scorsi un'analisi delle domande pubblicate sul sito del ministero e aveva proposto anche delle domande alternative, tecnologicamente neutrali e culturalmente valide.
“Che aridità e ignoranza dimostrano queste domande - afferma Davoli - sembra che le ‘competenze digitali’ corrispondano al ‘saper usare un computer’, anzi uno specifico tipo di computer, con uno specifico sistema operativo e specifiche applicazioni.” La critica di Davoli, è stata poi ripresa all’interno della vasta comunità che ruota attorno al software libero, fino alla decisione di interpellare direttamente il Ministero.
Proprio l’aspetto discriminatorio ha portato gli scriventi a trasformare l'iniziale lettera aperta in una vera e propria diffida legale e istanza di accesso agli atti. Il quiz predisposto dal Ministero rischia di mettere in svantaggio gli utenti dei sistemi operativi diversi da Windows e in particolare gli utenti di Software Libero. Il test è una pubblicità de facto dei prodotti di Microsoft: per riprendere l'analogia inserita nella lettera al Ministro, si pensi a un quiz dell’esame di guida dove non si parli genericamente di “automobile” ma si citassero solo i modelli della Fiat.
I prodotti citati nelle domande (Windows, Word, Excel), secondo l’attuale legislazione non dovrebbero nemmeno essere acquistati dalla Pubblica Amministrazione se non in casi eccezionali, in quanto sofware proprietario soggetto al pagamento di una licenza d’uso.
Oltre a dare battaglia legale per tutelare gli utenti del software libero e gli interessi della collettività AsSoLi e le altre associazioni intendono approfondire per capire come sia stato possibile arrivare a una stesura così maldestra delle domande e quali siano gli esperti che le hanno redatte. Se il Ministero accoglierà l’istanza, la preselezione del concorso potrebbe svolgersi senza queste domande (vista la difficoltà di sostituirle con domande corrette); in ogni caso, in base alla legge sul procedimento amministrativo il Ministro ha l’obbligo di rispondere entro 30 giorni, fornendo alle associazioni firmatarie i documenti relativi alla predisposizione dei quiz.
Le associazioni restano convinte che il miglioramento delle “competenze digitali” sia un pilastro cardine dell’Agenda Digitale dell’unione Europea e intendono collaborare attivamente con la scuola offrendo proposte e attività che accrescano davvero la “cultura digitale” del paese.

I piani di Canonical per Ubuntu 13.04

Categoria: 

Sul blog di Canonical, società che contribuisce allo sviluppo di Ubuntu insiema alla Comunità, è comparso un post che illustra le novità previste per la Dash di Unity in Ubuntu 13.04, nome in codice Raring Ringtail. In particolare il team si vuole focalizzare su:

  • Scope più intelligenti: si tratta di piccoli "demoni" (servizi controllati dal computer), che permettono di visualizzare nella Dash informazioni raccolte online o sul computer. Per Ubuntu 13.04 è previsto un incremento del numero di scope presenti in maniera predefinita, includendo molti degli scope sviluppati dalla comunità, introducendo nel contempo la capacità di attivare solo quelli utili all’utente al momento della ricerca. Sarà cioè inserita una funzione che permette al computer di capire cosa interessa all’utente, e di visualizzare solo quello. Per esempio, cercando "Bruce Springsteen" il computer visualizzerà le canzoni e i video salvati sul computer, ma anche i video su Youtube, i CD su Amazon, la recensione dell’artista su Last.fm ecc.

Per fare questo la Dash controllerà online la rilevanza dei risultati della ricerca, e bilancerà le informazioni che trova con la quantità di dati già salvati sul computer. Gli scope diventeranno così un area dove la comunità sarà interessata a sviluppare, e sicuramente usciranno delle idee molto interessanti che renderanno l’esperienza sulla Dash ancora più completa.

  • Acquisti istantanei: Canonical vuole permette agli utenti di acquistare applicazioni e musica direttamente dalla Dash, senza dover accedere a Ubuntu Music Store o a Ubuntu Software Center, in modo che l’acquisto sia il più veloce e immediato possibile.

  • Più suggerimenti e maggior controllo agli utenti: il team di sviluppo di Ubuntu sta lavorando sodo per trovare nuovi partner, e aumentare il numero di suggerimenti disponibili sulla Dash, che al momento mostra risultati solo da Amazon e da Ubuntu Music Store. Inoltre si vogliono introdurre maggiori opzioni per gli utenti, in modo che possano decidere quali servizi attivare. Per esempio al momento se si vuole cercare solo sui file locali, escludendo quindi i risultati online, basta cliccare contemporaneamente Super+F.

Tutto lo sviluppo della Dash avviene con un unico obiettivo: permettere agli utenti di Ubuntu di trovare le informazioni di cui hanno bisogno il più velocemente possibile, senza interrompere il lavoro che stanno facendo; non importa se queste risorse sono sul computer o online, gratis o a pagamento. La sezione musica e quella video fin dalla loro introduzione mostrano risultati presi dal web, e saranno espanse il numero di risorse dalle quali prendere i risultati. I test hanno dimostrato come integrare e unificare la ricerca sia ciò che vole la maggior parte degli utenti.

Un altro punto su cui Canonical sta lavorando è la privacy. Tutti i dati raccolti non sono associabili a nessun utente, perché sono resi anonimi e non vengono inviati ai team che si occupano dei servizi. Inoltre l’utente può scegliere quali dati inviare, e anche quali servizi utilizzare. In questo modo se un utente per motivi particolari non vuole utilizzare Google Plus, Facebook o Twitter può eliminare totalmente le ricerche con un semplice clic.

Conclusione

Le novità annunciate da Canonical sono in controtendenza: c’è infatti la diffusa propensione a spostare tutti i servizi "in remoto", cioè a distanza. Canonical invece, per quanto riguarda la Dash, sembra muoversi in senso opposto, al fine di riportare il sistema operativo al centro dell’esperienza utente. Sfida certamente ardua, che consentirà di velocizzare l'accessibilità ai servizi.

Fonte

Ubuntu-it sbarca su Google Plus

Categoria: 

 

La Comunità Italiana di Ubuntu è lieta di annunciarvi che, grazie alla nuova funzionalità "Community", adesso siamo presenti anche su Google Plus, il social network creato da Google. La Community si trova a questo indirizzo, dove potrete trovare notizie e curiosità dalla Comunità, compresa anche la nostra favolosa Newsletter.

La Comunità Italiana gestirà anche la community Kubuntu-it, dedicata a chi ha fatto della distribuzione KDE la loro preferita.

Ricordiamo che siamo presenti anche su Facebook e su Twitter, seguiteci per non perdervi mai niente di quello che succede nella comunità!

Disponibile la Newsletter Italiana n. 40 del 2012: un pieno di notizie gustose!

Categoria: 

In questo numero troverete:

 

Notizie da Ubuntu:

  • Nuovo sfondo predefinito per Ubuntu 13.04
  • Una nuova mailing list per gli annunci alla Comunità
  • Il futuro di Ubuntu: intervista a Jane Silber, CEO di Canonical

 

Notizie dalla Comunità:

  • Edizione FCM n.66 in italiano
  • Nuovo Ubuntu-it-member
  • noisiamoubuntu numero 47

 

dal Planet Ubuntu-it:

  • Paolo Rotolo: Ubuntu 12.10 Gnome Remix
  • Paolo Rotolo: Esperimenti casalinghi: come utilizzare un vecchio router
  • Dario Cavedon: Ubuntu, guardare lontano
  • Paolo Garbin: Registrazione dell’associazione Pordenone Linux User Group – PN LUG
  • Salvatore Palma: Aggiungere lo screensaver su Precise Pangolin LTS
  • Jeremie Tamburini: Ri-meeting Bologna
  • Giuseppe Terrasi: Tenghiù

 

Dalla blogosfera

  • Sputnik: l'ultrabook DELL con Ubuntu è arrivato
  • Full Circle Magazine Issue #67 (ENG)

 

...e molto altro ancora! Per leggere la newsletter visitate questa pagina.

Nuovo sfondo predefinito per Ubuntu 13.04

Categoria: 

Tra le tante novità grafiche di Ubuntu 13.04 (Raring Ringtail), oltre al possibile arrivo di nuove icone (vedi il nostro articolo), si rinnova anche il desktop (o quasi).

A differenza delle precedenti versioni di Ubuntu, la versione in sviluppo svela subito il suo sfondo predefinito. Si fa sempre più fatica a distinguere le differenze tra i vari wallpaper scelti dal team Design; ma ciò non significa che The Ayatana Project, mantenuta gran parte da Canonical, non stia più curando l'interfaccia grafica. Al contrario, sono stati fatti apprezzabili progressi e cambiamenti della GUI (Graphical User Inerface), che hanno reso Ubuntu sempre più accattivante, e probabilmente hanno fatto breccia nei cuori di coloro che vogliono un Sistema Operativo gradevole da usare.

The Ayatana Project; è un 'progetto', che permette il coordinamento degli sforzi da parte di più contribuenti, per migliorare l'esperienza degli utenti che usano Ubuntu; inoltre aiuta i team mantenuti da Canonical a ricevere ed elaborare i feedback, le idee e le iniziative dalla comunità. The Ayatana Project ha disegnato Unity, Me Menu, Notify OSD e molto altro.

Ubuntu 12.10

Ubuntu 13.04

Nonostante questa repentina decisione da parte del team, non è escluso un futuro contest, che come tutti gli anni, servirà ad aggiungere immagini nella prossima versione della distribuzione di casa Canonical.

Fonte immagini

Nuove icone per Ubuntu 13.04?

Categoria: 

(articolo aggiornato il 26.11.2012 ore 08.30)

Immagine icone

 

In questi ultimi giorni, è stato aperto un bug su Launchpad che annuncia, la realizzazione di quattro nuove icone per la prossima versione di Ubuntu 13.04: quella di Nautilus, il gestore dei file, del Software Center, del Gestore Aggiornamenti e del CoF, il "Cerchio degli amici" (in inglese: Circle of Friends), il logo di Ubuntu che permette di accedere alla Dash, posizionata in alto su Launcher di Unity.

 

 

Le icone del Software Center e del Gestore Aggiornamenti, in particolare, sono rappresentate da una A, con al centro una barra, piena a 3/4. Si presuppone che questa si animi quando si installeranno nuove applicazioni.

Inoltre, come si può notare nel bug su launchpad, alcuni designer si sono domandati la funzione della lettera A, che si considera "lingua-dipendente", ovvero valida solamente per alcune lingue. In inglese, "A" è l'iniziale di Application, ma in altre lingue, la parola varia.

Quindi, dato che le icone devono essere universali e comprensibili da tutti, è stata richiesta una seconda revisione, che verrà pubblicata a breve.

 

Per ora le icone sono solo delle proposte, e non si sa se saranno adottate su Ubuntu 13.04.

 

Se vi piace in particolare l'icona del CoF, è possibile installarla sul vostro Ubuntu seguendo questo procedimento:

  • Scaricare le icone da qui.

  • Estrarle e spostarle in usr/share/unity/6, sostituendo la cartella "Assets" già presente.

  • Terminare la sessione per applicare le modifiche.

Vi ricordiamo che per modificare i file di sistema dovrete aprire Nautilus con i privilegi di root, usando il comando "sudo nautilus" da terminale.

Se non siete soddisfatti, potrete ripristinare le icone originali digitando nel terminale "sudo apt-get install --reinstall unity-common".

 

 

Continuate a seguirci per restare informati su ulteriori novità!

Rilasciato Firefox 17

Categoria: 

Oggi, 20 Novembre, è stata rilasciato Firefox 17, il noto browser di casa Mozilla, per tutti i sistemi operativi ed ovviamente, anche per Ubuntu.

 
La nuova funzione che salta subito all'occhio è l'aggiunta delle Social API, nate per far diventare Firefox più "social", collegandolo ai vari social network.
 
Nell'angolo a destra, infatti, troviamo le icone dei tre principali stati di Facebook, che per ora è l'unico social network supportato, anche se Mozilla prevede di aggiungerne altri, come Twitter.
Da lì, in ordine da sinistra a destra si possono gestire: le amicizie, i messaggi e le notifiche, anche senza aver aperto la pagina di Facebook. L'estensione è scaricabile da qui (bisogna per forza aver installato prima la nuova versione di Firefox).
 
 
Firefox 17, inoltre porta con se varie altre correzioni, come delle icone più grandi e altri bugfix, tutti elencati nella pagina di changelog sul sito ufficiale.
 
Fonte immagini: @omgubuntu.

Pubblicata la Newsletter Italiana n. 38 del 2012

Categoria: 

In questo numero troverete:

 

Notizie dalla Comunità:

  • Novità nella Newsletter Italiana

dal Planet Ubuntu-it:

  • Dario Cavedon: Ubuntu-it meeting a Bologna, appuntamento per sabato 17 novembre
  • Paolo Garbin: II riunione costitutiva del PN LUG
  • Paolo Garbin: Open source day 2012 presso l’università di Udine
 
Dal mondo
  • Rilasciato Skype 4.1 per Linux
  • Free Software Award 2012
  • Finlandia: un motore di ricerca open source per le biblioteche e servizi bibliotecari finlandesi
 
Dalla blogosfera
  • Giochi per Ubuntu con Unity 4.0
  •  

E, in più, gli Aggiornamenti e le Statistiche:

 

Aggiornamenti di sicurezza
Gli annunci di sicurezza si possono trovare nell'apposita sezione del forum.
 
Bug riportati
Aperti: 102223, +108 rispetto la scorsa settimana;
Critici: 82, +3 rispetto la scorsa settimana;
Nuovi: 50775, +54 rispetto la scorsa settimana.
È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.
 
Statistiche del gruppo sviluppo
Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:
 
Alessio Treglia
dvdwizard 0.7.1-1, per Debian unstable
dvd-slideshow 0.8.4.2-1, per Ubuntu raring-proposed
videotrans 1.6.1-1, per Ubuntu raring-proposed
cmus 2.5.0-1, per Debian experimental
gmtp 1.3.4-1, per Debian experimental
gengetopt 2.22.6-1, per Debian experimental
gmtp 1.3.4-1, per Ubuntu raring-proposed
gengetopt 2.22.6-1, per Ubuntu raring-proposed
hexter 1.0.2-1, per Debian experimental
rtirq 20121105-1, per Debian experimental
fomp 1.0.0~dfsg0-1, per Debian unstable
mustang-plug 1.1-2, per Debian unstable
gmerlin-avdecoder 1.2.0~dfsg-3, per Debian unstable
Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

 

 

Rilasciato Skype 4.1 per Linux

Categoria: 

Questa settimana è stata rilasciata una nuova versione del client Skype per Linux: la 4.1, che porta con se alcuni miglioramenti, nell'architettura dei pacchetti e nelle modalità di login.

Dopo molto tempo di stasi, infatti, Skype per Linux era stata rivitalizzato, con la recente versione 4.0 che quasi avvicinava il client linuxiano ai rispettivi client per gli altri sistemi operativi. 

 

La versione 4.1 porta una nuova e unica architettura, sia per i sistemi 32bit, che per quelli 64bit. Questo vuol dire che qualunque sia l'architettura del vostro PC, potrete installare Skype da un singolo pacchetto. 

Tuttavia, sembra che per un bug (verificatosi solo in pochi pc) l'icona di Skype nella versione 64bit nella barra degli strumenti non apparire. Se ne siete affetti, vi basterà installare il pacchetto "sni-qt".
Altre migliorie, invece, riguardano la schermata di login, con il caratteristico blu di skype come sfondo, che ora permette di entrare attraverso un account già esistente Microsoft (ovvero quello per entrare in Messenger® o in Windows Live®).
 
Immagine Login Skype
 
Per scaricare Skype 4.1 visitate la pagina relativa sul sito ufficiale.
 
Per la gioia degli utenti, quindi, sembra che Microsoft, al contrario delle aspettative, continui a sviluppare un client libero per il pinguino, che però, purtroppo, non è ancora allo stesso livello delle versioni per Windows e Mac.

Unity 4.0: esportare giochi per Ubuntu

Categoria: 

 

Questa settimana è stata rilasciata Unity 4.0. No, non è l'ambiente grafico sviluppato da Canonical, ma un'omonima piattaforma di sviluppo per giochi.
Con questa è possibile creare divertenti passatempi, anche con rendering 3D ed esportarli su molte piattaforme tra le quali Windows, Mac, Android e, ora anche Ubuntu.
Ogni sviluppatore Unity può quindi esportare la propria applicazione per Ubuntu e pubblicarla facilmente nel Software Center, grazie al portale Ubuntu App Developer.
 
Immagine esportazione per Linux
 
Inoltre, se volete provare le potenzialità della piattaforma, nel Software Center stesso, sono già presenti due giochi, realizzati con Unity: "Cubemen" e "Rochard", purtroppo a pagamento.
Se vi interessa, è possibile scaricare una versione gratuita del Tool o una demo della versione Pro, da attivare entro 30 giorni.
 
Insomma, Ubuntu sta colmando sempre più la sua carenza nei giochi, visti già i passi da gigante compiuti con Steam, che ha già rilasciato una sua beta e che a breve sarà disponibile per la gioia di tutti gli appassionati di videogiochi.
 

Pagine