Newsletter

Tutte le novità sul mondo di Ubuntu dagli autori della NewsLetter Italiana.

Annunciato l'UDS di maggio

Categoria: 

Sono state annunciate le date dell'Ubuntu Developer Summit che si svolgerà il 14, 15 e 16 maggio dalle 16 alle 22 (ora italiana) online.
Ubuntu Developer Summit (o UDS) è l'evento che si tiene quattro volte all'anno, solo online, in cui si fa il punto della situazione e si decidono caratteristiche o cambiamenti che riguardano Ubuntu o la Comunità stessa.
Questo UDS avrà la stessa struttura di base dell'evento scorso, con qualche piccolo aggiustamento, come annunciato in precedenza da Jono Bacon.
Per prima cosa ci saranno maggiori argomenti di discussione (con due "stanze hangout" per ognuno). In particolare le sessioni di discussione saranno "Sviluppo di applicazioni", "Comunità", "Client", "Server e cloud" e "Fondazioni".
Inoltre le sessioni plenarie a metà giornata, che online funzionano meno bene che di persona, saranno sostituite da una pausa dei lavori, e ne verranno organizzate due, una a inizio evento e una alla fine.
Ricordiamo che tutti gli interventi sono in inglese, e quindi per partecipare si richiede una buona conoscenza della lingua.
Fonte

Ubuntu equipaggerà i computer della Biblioteca Civica di Fermo

Categoria: 

La Biblioteca di Fermo (fonte: wikipedia)Buone notizie da una delle città più ubuntere d'Italia: la nostra distribuzione preferità sarà installata sulle postazioni pubbliche della Biblioteca Civica "Romolo Spezioli" di Fermo, nell'ambito di una convenzione che è stata stipulata tra l'Amministrazione Comunale della città marchigiana e il FermoLUG, che si occuperà concretamente del passaggio al nuovo sistema operativo e del supporto agli utenti della struttura.

L'annuncio è stato dato oggi durante una conferenza stampa tenuta presso il Comune di Fermo alla presenza dell'Assessore alla Cultura Francesco Trasatti e della direttrice della Biblioteca Maria Chiara Leonori, che si sono entrambi dichiarati particolarmente entusiasti di questa collaborazione, rimarcandone sia gli aspetti spiccatamenti etici e culturali, sia il vantaggio economico che l'Amministrazione potrà trarne. La convenzione, che durerà per un anno, permetterà ai cittadini fermani di utilizzare Software Libero durante le proprie attività di studio e di ricerca presso la prestigiosa Biblioteca cittadina.

Durante la conferenza stampa, il presidente del FermoLUG Paolo Silenzi e gli altri membri dell'associazione hanno anche colto l'occasione per annunciare la DUCC-IT (Debian/Ubuntu Community Conference - Italia), che sarà in programma proprio a Fermo il prossimo 1-2 giugno, e vedrà la presenza di esponenti di spicco di entrambe le comunità da tutta Italia.

Cambio nel coordinamento del Gruppo Promozione

Categoria: 

 
Il 31 marzo scorso, dopo 6 anni di onorato servizio, Paolo Sammicheli, fondatore e co-amministratore del Gruppo Promozione ha deciso di lasciare il suo ruolo. A lui vanno i nostri più sentiti ringraziamenti per l’ottimo lavoro svolto fin qua, e un grandissimo in bocca al lupo per i suoi progetti futuri.
 
Raccolgono la sua eredità Dario Cavedon e Silvia Bindelli che, con l’aiuto dell’attuale amministratore Salvatore Palma dovranno coordinare il gruppo nel prossimo periodo, che si preannuncia ricco di novità per Ubuntu. A loro facciamo i nostri più grandi auguri, sicuri che faranno un ottimo lavoro.
 
Obiettivo del Gruppo Promozione è l'elaborazione e l'avvio di progetti atti a pubblicizzare e promuovere l'uso di Ubuntu in Italia, in particolare:

  • Creare un ambiente vitale ove si favorisca la discussione e l'elaborazione di idee, al fine di trovarne sempre di nuove e sempre più interessanti.
  • Sviscerare e analizzare tali idee per promuovere Ubuntu in Italia, al fine di valutarne la fattibilità.
  • Documentare i casi di utilizzo di Ubuntu in Italia all'interno di industrie e società.
  • Avviare i progetti che concretizzino tali idee creando piccoli comitati che realizzino l'iniziativa.
  • Dare supporto ai progetti già avviati in momento di difficoltà.

 
Il gruppo è sempre alla ricerca di nuovi collaboratori, per ulteriori informazioni consultare la pagina dedicata.
 
Fonte

Rilasciato GNOME 3.8

Categoria: 

 

È stata rilasciata dopo 6 mesi di lavoro, la nuova versione di GNOME, uno dei più importanti ambienti grafici su Linux. Come si può leggere sulle note di rilascio ufficiali, il nuovo GNOME contiene ben 35.936 contributi da circa 960 persone.

 

Eccone le principali caratteristiche:

  • Vista "Applicazioni" ridisegnata, con due nuove schede: la prima dedicata alle applicazioni più utilizzate e la seconda a tutto il parco software.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/apps-view.png

 

 

  • I risultati delle ricerche vengono suddivisi per categorie, a seconda della fonte (applicazioni, preferenze, contatti, documenti, ecc...).

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/search.png

 

 

  • Nuovo pannello per la privacy, dal quale è possibile scegliere se attivare o disattivare il blocco dello schermo, nascondere il proprio nome e cognome dalla barra superiore, conservare cronologia o eliminare i file temporanei.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/settings-privacy.png

 

 

  • Migliori prestazioni nella resa delle animazioni, con effetti grafici fluidi e stabili.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/graphics-motion-jitter.png

 

 

  • Nuova tema grafico per la modalità "Classica", adatta a chi preferisce un ambiente simile al buon vecchio GNOME 2, ed è ora integrata al meglio per funzionare con le applicazioni più recenti della suite GNOME.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/classic-mode.png

 

 

  • Miglioramenti al sistema di notifiche. Introduzione di due nuove scorciatoie da tastiera: Super+M per aprire la barra inferiore (dove sono appunto presenti le notifiche e i messaggi) e Super+N, per espandere il messaggio selezionato senza dover far click su di esso con il mouse.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/chat-bubble.png

 

 

  • Restyling grafico delle impostazioni per il risparmio energetico.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/settings-power.png

 

 

  • Varie correzioni di errori e migliorie grafiche, che includono nuove animazioni e miglioramenti di usabilità.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/details.png

 

 

Oltre all'ambiente grafico, sono state aggiornate anche alcune applicazioni della suite GNOME.

  • Il browser web di GNOME "Web", supporta finalmente Flash, che rende possibile la visualizzazione di svariati contenuti online come animazioni e video. Aggiunta anche una nuova modalità navigazione in incognito e un nuovo pulsante per aprire una scheda.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/web.png

 

 

  • Migliorie grafiche anche per "Documenti" il gestore di documenti di GNOME, che ora supporta l'integrazione con Google Documents.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/documents-overview.png https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/documents-navigation.png

 

 

  • Tre nuove applicazioni: meteo, note e orologio.

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/weather-zurich.png https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/bijiben-note.png https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/clocks.png

 

 

  • Restyling grafico di "Contatti".

 

https://help.gnome.org/misc/release-notes/3.8/figures/contacts-editing.png

 

GNOME 3.8 farà il suo debutto in Ubuntu 13.10, quindi, non sarà possibile installarlo da fonti ufficiali nella versione uscente, la 13.04.

Miglioramenti nei rapporti tra la comunità e Canonical

Categoria: 

In alcuni recenti post sul suo blog, Jono Bacon (il Community Manager di Ubuntu) ha espresso la volontà di Canonical (la società che sviluppa Ubuntu) di migliorare i rapporti con la Comunità, ultimamente messi in discussione, insieme alle idee per farlo.
Per prima cosa si sta progettando un modo di pianificazione trasparente e regolare, per rendere i contributori edotti sul lavoro svolto e quello pianificato. L'idea principale è quella di consentire ad ogni team, di organizzare dei riassunti mensili, per permettere loro di fare il punto della situazione e informare gli altri su come contribuire.
Inoltre Jono e il suo team stanno preparando degli opuscoli, nei quali sarà spiegato il metodo di lavoro dell'azienda e come rendere trasparenti tutte le informazioni non confidenziali. Questo materiale informativo sarà destinato ai dipendenti di Canonical che non hanno esperienze di lavoro in un "ambiente open", per aiutarli ad inserirsi meglio in questo contesto delicato.
Un altro punto molto discusso tra le ultime mosse di Canonical è la cancellazione degli UDS (riunioni degli sviluppatori) semestrali per passare a degli UDS online ogni tre mesi. Questa scelta permette alle persone che non possono viaggiare di partecipare facilmente, ma ne rimuove la parte ludica, cioè il dopo riunione in cui ci si conosceva e si scambiavano impressioni ed esperienze.
Per migliorare il tutto si è deciso che i videoritrovi non verranno chiusi appena il talk sarà finito, ma saranno lasciati aperti per permettere ai partecipanti di conoscersi e saranno integrati IRC e Etherpad all'interno dell'hangout (video-ritrovo virtuale). Inoltre verranno organizzati, oltre agli UDS classici, alcuni summit su un argomento specifico, per esempio comunità locali (come Ubuntu-it), documentazione o traduzione.
Per permettere maggiore partecipazione da parte di esterni verrà migliorata la pagina sulla Comunità presente sul sito internazionale, allo scopo di offrire più informazioni alle persone che si avvicinano per la prima volta a questa realtà.
Alcuni problemi si erano verificati anche al launcio di Ubuntu Touch, poiché la Comunità era all'oscuro di tutto ed è stata inondata di domande a cui non sapeva rispondere. Per ovviare a questo, se verranno effettuati altri lanci simili verranno informati i più alti organi di governo della stessa e verrà stilata una lista di informazioni da distribuire ai membri per rispondere alle domande più frequenti.
Per evitare che si verifichino altre incomprensioni verranno inoltre effettuate riunioni tra i leader dei diversi team per decidere come risolverli.
Speriamo che queste idee vengano realizzate al più presto e che i rapporti tra Canonical e comunità migliorino.
Fonte Fonte Fonte

Rilasciata la Newsletter Italiana n. 12 del 2013, con tante novità!

Categoria: 

In questo numero troverete:

 

Notizie da Ubuntu:

  • Supporto dimezzato per le versioni di Ubuntu non LTS
  • Canonical e l'ente cinese per gli standard annunciano una collaborazione su Ubuntu

 

Dalla Comunità:

  • Edizione n.70 di Full Circle Magazine in italiano
  • Il Gruppo Full Circle Magazine Italia ha bisogno di te!

 

Dallo stivale:

  • LibreUmbria: le lezioni su LibreOffice

 

...e molto altro ancora! Per leggere la newsletter visitate questa pagina.

Supporto dimezzato per le versioni di Ubuntu non LTS

Categoria: 

In una recente riunione dell'Ubuntu Technical Board (composta da tre membri della comunità e tre di Canonical) è stata approvata una modifica al ciclo di supporto di Ubuntu. A partire da Ubuntu 13.04, infatti, il supporto delle release non LTS verrà ridotto a 9 mesi al posto degli attuali 18.
Questo cambiamento è stato approvato poiché in questo modo si riduce il numero di versioni da supportare in parallelo, diminuendo il carico di lavoro su questo versante e quindi potendo concentrarsi di più sulle nuove caratteristiche e al miglioramento delle funzionalità.
Un'altro cambiamento discusso è la creazione di un repository che corrisponderà sempre alla versione in sviluppo, permettendo agli utenti che seguono con costanza lo sviluppo di passare da una versione all'altra senza aggiornare, ma si è specificato che questa decisione non riguarda assolutamente la proposta di passare ad un modello "Rolling Release".
Oltre ai due punti principali si è deciso che sarà supportato l'avanzamento di versione non solo da una versione a quella successiva, ma verso una qualsiasi versione successiva (per esempio dalla versione 12.10 alla versione 13.10).
Fonte

Rilasciata la beta 1 di "Raring Ringtail"

Categoria: 

Lo scorso Giovedì 14 marzo 2013 è stata rilasciata ufficialmente la Beta 1 di "Raring Ringtail", disponibile per Edubuntu, Kubuntu, Lubuntu, UbuntuKylin, Ubuntu Cloud, Ubuntu Studio and Xubuntu. Non è infatti stata rilasciata alcuna Beta per Ubuntu stesso, a seguito dei recenti cambiamenti nel suo ciclo di sviluppo.

Nella mail di Stéphane Graber, membro dell'Ubuntu Release Team, che annuncia l'avvenuto rilascio della Beta, è spiegato il perché della scelta: già dalla fine del ciclo di sviluppo di Ubuntu 12.10 era stato deciso di ridurre il numero di "milestones", i rilasci intermedi che avvengono durante il ciclo di sviluppo, come appunto le versioni Beta e Alpha, nei rilasci di Ubuntu e Ubuntu Server, per concentrare tutti i test sulle versioni daily, disponibili come suggerisce il nome giornalmente. La prima (e ultima) milestone riguardante Ubuntu in particolare è prevista per il 28 Marzo, data in cui verrà rilascata la "Final Beta Release".

Il diverso ciclo di sviluppo non ha però intaccato le altre derivate ufficiali, dove nella maggior parte dei casi sono presenti svariati aggiornamenti ai software.

Nella Beta1 di Kubuntu 13.04, infatti, troviamo i seguenti aggiornamenti:

  • KDE Plasma e Applicazioni 4.10.1, con miglioramenti nella reattività, nella correzione del colore in Gwenview e con l'aggiunta delle notificazioni "Qt Quick" e di un nuovo blocca schermo;

 

  • Muon Suite IRC 2 RC che introduce il supporto ai Plasma widget, installabili via Software Center o Muon Discover;

 

  • Rekonq 2.2.1 il browser web predefinito, aggiunge la correzione automatica degli errori di scrittura;

  • Homerun, un'alternativa a schermo intero al menù delle applicazioni Kickoff;

 

  • Gestione schermo, con diversi miglioramenti che facilitano l'installazione o la rimozione di nuovi monitor;

  • Oxygen Sans Font, un nuovo font predefinito creato dagli artisti KDE;

 

  • Krita, l'applicazione di disegno, si è aggiornata con un tema dark e con miglioramenti nella velocità di calcolo delle librerie "Vc";

  • L'installer vanta di un nuovo look più professionale.

Inoltre Kubuntu, equipaggiato con il nuovo Kernel Linux 3.8, supporterà il Secure Boot.

 

La beta 1 di Xubuntu, la derivata ufficiale con XFCE come ambiente desktop, invece, reintroduce Gnumeric e GIMP di default, aggiorna Parole alla versione 0.5.0 e il tema Greybird e infine corregge l'errore delle partizioni duplicate in Thunar.

Molte novità per UbuntuKylin, la neonata derivata di Ubuntu in lingua cinese, dove sono stati apportati svariati aggiornamenti per migliorare la localizzazione degli elementi nella lingua orientale.

Altri cambiamenti "minori" (come il semplice aggiornamento del Kernel) sono stati apportati a tutte le altre derivate.

Per ulteriori informazioni, l'e-mail di Stéphane Graber è disponibile qui.

 

Alcune considerazioni sui recenti problemi comunitari

Categoria: 

Recentemente c'è stata un po' di burrasca tra la comunità di Ubuntu e la società Canonical. Nel giro di pochi giorni. numerosi esponenti di rilievo all’interno della comunità, come Jonathan Riddell, Philip Ballew e Martin Owens, hanno manifestato tutta la loro insoddisfazione e il loro disagio per la scarsa e intermittente comunicazione di Canonical, anche nei confronti dei responsabili della comunità di Ubuntu. La proposta di alcuni esponenti di Canonical, di eliminare i rilasci delle versioni semestrali, a favore di quelli giornalieri, settimanali e mensili, cioè di introdurre le Rolling Release (in seguito non accolta) e, sopratutto, il recente annuncio dell'adozione di Mir, il nuovo server grafico ideato e prodotto interamente da Canonical (rilasciato a sorpresa qualche giorno fa), sono state le classiche gocce a far traboccare il vaso.

Quello che veramente lascia perplessi molti, è il livello di incertezza in cui l’intera comunità è stata lasciata in questi ultimi tempi, soprattutto quando è stata pianificata e accellerata la "strategia della convergenza" tra server, pc e i vari dispositivi mobili come tablet e smartphone.

Per fare solo un esempio, Sam Spilsbury ha dovuto gettare alle ortiche alcuni mesi di duro lavoro, in quanto Canonical ad un certo punto non ha più accettato le patch di sviluppo comunitarie per Compiz, un software che consente di gestire gli effetti grafici del desktop e delle finestre.

Intendiamoci: le motivazioni di dissenso non toccano la necessaria strategia di marketing, l'introduzione più o meno discutibile e discussa delle Rolling Release o di Mir , né tanto meno dei progetti precedenti. Quello che crea disagio, è l'immissione di numerose novità (nessuna di origine comunitaria), nei confronti delle quali la grande comunità dei contributori di ubuntu è rimasta spettatrice.

E' indubbiamente vero, come afferma Jono Bacon nel suo Blog, che, in fondo, entrambe queste due realtà (Canonical e Community) hanno molto a cuore l'interesse di Ubuntu e quindi, una qualche soluzione delle questioni si deve trovare. Ma, altrettanto ovviamente, si può aggiungere che ambedue si muovono oggettivamente anche su piani diversi e, attualmente, su ottiche che corrono il rischio di divergere.

Elizabeth Krumbach del Consiglio della comunità di Ubuntu, si è impegnata ad assumere un ruolo più attivo nella comunicazione con Canonical, altrimenti il rischio è quello di spazzare via mesi di lavoro e di supporto tecnologico, preparato dai membri contributori della sua stessa comunità.

Fonte Fonte fonte

Mark Shuttleworth: le Rolling Release non convincono

Categoria: 

Mark Shuttleworth non è molto convinto della proposta avanzata da Rick Spencer, di introdurre il rilascio delle Rolling Release tra le due versioni LTS (versioni stabili a lungo supporto), con l'eliminazione degli attuali rilasci semestrali. Mark vuole valutare con attenzione l'evolversi della situazione, aspettando che altri progetti raggiungano una adeguata affidabilità con la versione 14.04 LTS. Anche durante il primo UDS Online, si è parlato di questa proposta ma, almeno per il momento, non è stata accettata. Ubuntu subirà infatti dei cruciali cambiamenti, con l'arrivo del nuovo server grafico Mir, con il passaggio di Unity in Qt/QML e con il percorso di piena integrazione di Ubuntu verso i dispositivi mobili, i quali dovranno integrare le applicazioni in modo snello e stabile.

Fonte

Pagine